yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei

video

Loading...

domenica 23 luglio 2017

Ankara procuring the advanced S-400 anti-missile system from Russia would become a matter of concern for Washington, Chairman of the US Joint Chiefs of Staff Joseph Dunford said, dismissing reports of the purchase as “incorrect.” ....

Turkey purchasing Russian S-400 air defense systems would concern Washington – Pentagon


Ankara procuring the advanced S-400 anti-missile system from Russia would become a matter of concern for Washington, Chairman of the US Joint Chiefs of Staff Joseph Dunford said, dismissing reports of the purchase as “incorrect.” 
“There was a media report that was incorrect. They have not bought the S-400 air defense system from Russia. That would be a concern, were they to do that, but they have not done that,” General Dunford said Saturday at the Aspen Security Forum in Colorado. 
Gen. Dunford: "Turkey has not bought S-400 air defense system Russia." Says media report was incorrect. 
Russia and Turkey have been discussing the contract since November 2016, with top officials from both sides confirming at different times the deal has been “agreed upon” and “having arrived at the final decision point.” Since Ankara is reportedly seeking a loan to get the systems, “the current discussion refers to financial issues,” according to Rostec CEO Sergey Chemezov.
The sophisticated Russian S-400 anti-missile system is designed to shoot down aircraft at a range of up to 400km and ballistic missiles up to 60km away, while engaging 36 targets simultaneously.
Turkey has been working to develop its national defense systems, but lacks appropriate technology. In 2015, it pulled out of talks with China over buying its FD-2000 (HQ-9) air defense system, scrapping the $3.4-billion agreement after Beijing supposedly refused to share the technology along with the batteries.
Ankara used to rely on its NATO allies, mainly the US and Germany, for anti-missile protection. However, in 2015, the US, Germany, and the Netherlands withdrew the Patriot systems from Turkish soil, allegedly in response to President Recep Tayyip Erdogan’s crackdown on the Kurds.
While highlighting that Turkey is “an important NATO ally,” Dunford praised the “competence and focus” of the Kurdish-led Syrian Democratic Forces (YPG), due to which the US operations against Islamic State (IS, formerly ISIS/ISIL) have been successful. He admitted it has been “a source of friction with Turkey.”

da "rt.com"

The man who made numerous headlines across the Western media, including for the resignation of US National Security Adviser Michael Flynn and the ongoing scandal with Attorney General Jeff Sessions, concludes his assignment in the US.......

‘Witch hunt’ target, Russian Ambassador Kislyak ends US tenure


The man who made numerous headlines across the Western media, including for the resignation of US National Security Adviser Michael Flynn and the ongoing scandal with Attorney General Jeff Sessions, concludes his assignment in the US.
Sergey Kislyak, who has been in charge of securing Russia-US relations for almost a decade, will now return home, the Russian Embassy in the US confirmed on Saturday. His last year in service was apparently the hardest, amid the growing anti-Russia hysteria, while the mainstream media made him the subject of what Russian diplomats called a “witch hunt.”
Ambassador S.Kislyak has concluded his assignment in Washington, DC
Minister-Counselor D.Gonchar will act as Chargé d'Affaires ad interim🇷🇺 pic.twitter.com/180FfyQvXK
The recent media frenzy focuses on Kislyak’s contacts with US Attorney General Jeff Sessions, which the latter had not informed the Senate about in advance of his confirmation hearings, and that got him into hot water as a congresswoman demanded Sessions’ resignation for “lying under oath.” Those two brief meetings between the two officials were claimed to be further proof that Russia played a role in securing Donald Trump’s victory in the 2016 US presidential election. 

View image on TwitterView image on TwitterView image on Twitter
Накануне возвращения Посла С.И.Кисляка в Россию в дипмиссии прошёл прощальный приём для коллег и друзей
Sessions himself denied any discussion of the campaign with Kislyak.
The scandal infuriated US President Donald Trump, who blasted the reports as “illegal leaks.” Moscow was also outraged with the allegations, pointing out that it is actually any ambassador’s mission to hold as many meetings as possible with the representatives of the executive and legislative branches of the host country.
“I can refer to a quote spread in the media today: all of this looks very much like a witch hunt or the days of McCarthyism, which we long thought have passed in the US, a civilized country,” Russian Foreign Minister Sergey Lavrov said.
Kislyak was accused of working for Russian intelligence, as he was once described in a CNN article as “a top spy and recruiter of spies.”Apart from Moscow’s outrage at the groundless accusations, some high-profile US ambassadors have strongly criticized the media hysteria targeting the ambassador.
“If he’s a spy then all ambassadors are spies,” former Ambassador to Russia John Beyrle told ABC in March. “He’s not a spy. To call him a spy is to misunderstand what a diplomat, even a Russian diplomat, does,” he stated.
Russian Foreign Ministry spokesperson Maria Zakharova also lambasted the spying allegations, advising CNN to stop spreading lies and fake news.
US President Donald Trump’s former national security adviser, Michael Flynn, stepped down in February after reportedly “misleading” Vice President Mike Pence about the content of his telephone conversations with the ambassador. Back then, media outlets speculated over the content and consequences of the phone call, claiming that the main topic of the conversation was the economic sanctions against Russia, though Flynn did not confirm this information. 
Less than a fortnight before the official end of Kislyaks’s tenure, American LGBT and women’s rights activist Amy Siskind posted a bizarre tweet advising Russian insurance companies not to insure Russia’s US ambassador. Maria Zakharova called the tweet an example of “the intensity of Russophobia that has overwhelmed the United States.”
“I do not even hope that Amy will ever learn about who Sergey Kislyak is and how much he personally has done to save Russian-American relations when the Obama administration announced its isolation crusade against Russia,” the spokeswoman said.
As the anti-Russia hysteria grew throughout the presidential campaign and beyond, Kislyak said the US was waging a “huge propaganda campaign against Russia,” while firmly denying any Russian interference in US domestic affairs.
The anti-Russia campaign marks “the worst point in our relations after the end of the Cold War. You’ve re-entered a policy of containing Russia,” he said in a speech at Stanford University in November 2016. “You’ve tried to contain Russia through economic pressure and through sanctions.”
Warmer relations are still possible, according to Kislyak, as in the modern era there are no “irreconcilable ideological differences”between Washington and Moscow.
This year marks Kislyak’s 40th year of diplomatic service. He assumed the post of ambassador to the US in 2008. Prior to that, Kislyak held the position of Second Secretary at the Permanent Mission of the USSR to the UN, was ambassador to Belgium, Russia’s Permanent Representative to NATO, as well as holding several positions within the foreign ministry.
The outgoing diplomat is reportedly to be replaced by Anatoly Antonov, presently Russia’s deputy foreign minister. Until then, the Russian mission in the US will be headed by Denis Gonchar, Russia’s deputy chief of mission.

da "rt.com"

The Arab League has warned Israel about crossing “a red line” in the ongoing Israeli-Palestinian conflict over the sacred city of Jerusalem. Meanwhile, an Israeli minister said the metal detectors that triggered the violence will remain......


‘Israel is playing with fire’: Arab League chief warns amid Jerusalem tensions


The Arab League has warned Israel about crossing “a red line” in the ongoing Israeli-Palestinian conflict over the sacred city of Jerusalem. Meanwhile, an Israeli minister said the metal detectors that triggered the violence will remain.
“The Israeli government is playing with fire and risking a major crisis with the Arab and Islamic world,” Secretary General of the Arab League Ahmed Aboul Gheit said in a statement cited by Reuters.
“Jerusalem is a red line that Muslims and Arabs cannot allow to be crossed… and what is happening today is an attempt to impose a new reality on the Holy city,” he also said.
He also called on Israel not to deepen the conflict and urged the international community to “oblige the Israeli government to maintain the status quo” as its current policies “hurt the feelings” of all the Muslim world, not only the Palestinians.
The United Nations Security Council will meet on Monday to discuss the possible ways out of the violent Israeli-Palestinian conflict, and the Arab League is to hold emergency talks in Cairo on the matter on Wednesday.
Tensions, triggered by a shooting attack at the Temple Mount in Jerusalem on July 14 , began to escalate as Israel imposed additional security measures, including metal detectors and additional CCTV cameras, outside the al-Aqsa Mosque. Palestinian worshippers have been protesting the move outside the compound.
Meanwhile, the Israeli authorities are not going to remove the controversial metal detectors, citing security reasons.
“They [metal detectors] will remain. The murderers will never tell us how to search the murderers,” Israeli Minister for Regional Development Tzachi Hanegbi told Israel’s Army Radio on Sunday, as reported by Reuters.
“If they (Palestinians) do not want to enter the mosque, then let them not enter the mosque.”
However, Israel’s public security minister, Gilad Erdan, called for the measures to be eased for some “regular”worshippers, and to “avoid putting all of these [people] through metal detectors” and focus only on potential trouble-makers.
On Saturday, clashes broke out in Jerusalem during a hundreds-strong protest against the new security measures, staged by Palestinian worshippers. On Friday, three Palestinians were killed during rallies in the city, while Palestinian Authority President Mahmoud Abbas froze all contacts with Israel in light of the dispute. Violence also broke out in the West Bank settlement, where three members of a Jewish family were stabbed by a 20-year-old Palestinian. In retaliation to the attack, Israel sent more troops to the area, while the assailant’s home was ordered to be demolished.

da "rt.com"

A US special operations commander has admitted that an extended US stay in Syria runs contrary to international law and that Russia would be entirely justified in questioning its presence there.....

'We’re bad day away from Russians asking, ‘Why are you still in Syria?’ – top US commander


A US special operations commander has admitted that an extended US stay in Syria runs contrary to international law and that Russia would be entirely justified in questioning its presence there.
At the Aspen Security Forum on Friday, Special Operations Command chief Army General, Raymond Thomas was asked whether American forces will remain in Syria, after Islamic State (IS, formerly ISIS/ISIL) is defeated, possibly, to support the Kurdish forces in the north of the country.
Thomas acknowledged that American forces are fighting in a sovereign Syria, where they will likely “have no ability to stay” if that presence is questioned “in terms of international law,” Thomas said, replying to the Washington Post journalist’s question.
Here’s the conundrum,” Thomas continued. “We are operating in the sovereign country of Syria. The Russians, their stalwarts, their back-stoppers, have already uninvited the Turks from Syria. We’re a bad day away from the Russians saying, ‘Why are you still in Syria, US?’
It has come up in the form of some close calls there, but it will be hard – I defer to the lawyers in the crowd and others in terms of international law on the basis for us staying there other than our CT [counterterrorism] writ. We went there for all the righteous reasons, but if the Russians play that card, we may want to stay and have no ability to do it.
US special operations chief confirms end of CIA support for anti-Assad forces in Syria https://on.rt.com/8ig1 
Syrian President Bashar Assad has said that any uninvited foreign troops, including those from the US, are “invaders” who only prolonged the conflict. 
Assad has meanwhile invited Russian forces in Syria to join the anti-terrorist operation.
On Friday, Russian Foreign Minister Sergey Lavrov said America’s presence in the war-torn country was illegitimate and accused CIA Director Mike Pompeo – who had criticized Russia’s presence in Syria – of practicing “double standards.”
Lavrov cited Turkish media reports of “ten US bases already having been set up in Syria” and pointed to the “hundreds of military bases of the United States all over the world.” 

da "rt.com"

The Chairman of the US Joint Chiefs of Staff no longer believes Russia can be "singled out" regarding Washington's perceived national security threats. North Korea, Iran, and China also top the list of challenges......


Russia is no longer America's 'single' biggest threat – top US general


The Chairman of the US Joint Chiefs of Staff no longer believes Russia can be "singled out" regarding Washington's perceived national security threats. North Korea, Iran, and China also top the list of challenges.
During confirmation hearings for his current post as Chairman of the Joint Chiefs of Staff, General Joseph Dunford described Russia as "the greatest threat to our national security," saying that Moscow's "behavior" was "alarming."
Two years later, Dunford reassessed his original analysis of the alleged Russian threat, claiming that there are other actors threatening US national security, with North Korea now constituting the "number one challenge."
"I said at the time from a state actor perspective it's Russia. And I said that because of their nuclear capability and their cyber capabilities," Dunford said at a recent security forum in Aspen, Colorado. However, he said the US military does not "actually have the luxury today of singling out one challenge."
"I just want to put it into context. If I was to say Russia is the greatest threat – it is one of the threats that we face right now and the one that is most militarily capable," Dunford said.
At the same time, Dunford pointed out that Washington is dealing with the Iranian threat "on a daily basis," though North Korea is currently America's biggest challenge.
"Obviously, North Korea today from a sense-of-urgency perspective would be our number one challenge," the Chairman of the Joint Chiefs of Staff said.
The fight against "violent extremism," as well as "some security challenges in the Pacific with the rising China" also top the list of security threats to the US.
To counter Russia, the US Marine Corps general proposed developing nuclear and conventional deterrent capabilities.
"When I look at Russia, first and foremost we have to be able to deter a nuclear war... secondly, we have to be able to deter a conventional war," he said.

da "rt.com"

LADY DIANA..... Il 30 agosto 1997 l’ultima telefonata tra la principessa Diana e i suoi figli William e Harry fu molto breve. I ragazzi stavano giocando con i cugini al castello di Balmoral in Scozia, dove le vacanze stavano per terminare. Diana aveva un appuntamento con loro il 1° settembre a Londra, per preparare il ritorno a scuola. A quell’appuntamento non arrivò mai. William e Harry hanno ricordato l’ultima telefonata in un documentario di ITV in onda il 24 luglio, nel quale per la prima volta hanno parlato apertamente del loro rapporto con la madre, così intenso e tenero da avere lasciato una traccia indelebile sulle loro personalità. ......




Vittorio Sabadin per la Stampa

LADY D CON WILLIAMLADY D CON WILLIAM
Il 30 agosto 1997 l’ultima telefonata tra la principessa Diana e i suoi figli William e Harry fu molto breve. I ragazzi stavano giocando con i cugini al castello di Balmoral in Scozia, dove le vacanze stavano per terminare. Diana aveva un appuntamento con loro il 1° settembre a Londra, per preparare il ritorno a scuola. A quell’appuntamento non arrivò mai. William e Harry hanno ricordato l’ultima telefonata in un documentario di ITV in onda il 24 luglio, nel quale per la prima volta hanno parlato apertamente del loro rapporto con la madre, così intenso e tenero da avere lasciato una traccia indelebile sulle loro personalità. 



LADY DLADY D
Ora entrambi si dolgono che quella telefonata sia stata così breve: «Se avessi saputo che cosa stava per accadere – ha detto William – non avrei trovato interessante nessun’altra cosa». Invece il gioco con i cugini prevalse e, come sempre avviene quando una madre interrompe i figli che stanno giocando, Diana sentì al telefono solo un frettoloso «ciao ciao, sì ci sentiamo». «Rimpiangerò per tutta la vita quanto corta è stata quella telefonata», ha detto Harry. Diana chiamava da Parigi, dov’era appena atterrata con Dodi Al Fayed in una tappa non programmata del loro ritorno a Londra, dopo le vacanze nel Mediterraneo. Dodi voleva infatti ritirare da Repossi, in Place Vendome, un anello che forse era quello di fidanzamento. 

LADY D CON HARRYLADY D CON HARRY

Nel documentario «Diana, Our Mother and her Life and Legacy», William e Harry descrivono Diana come la migliore delle madri, sempre allegra e piena di voglia di scherzare. «Ci diceva – ricorda Harry – che potevamo comportarci da discoli quanto volevamo: l’importante era non farsi scoprire». La principessa andava alle partite di rugby dei figli e quando il gioco era fermo metteva nelle loro tasche dolci e caramelle. Amava fare in continuazione sorprese e una delle più riuscite fu sicuramente quella di fare trovare a Harry e William le modelle Naomi Campbell e Cindy Crawford in carne ed ossa al loro ritorno da scuola. «Ero l’unico dodicenne ad avere i loro manifesti appesi in camera – ha detto Harry – ed ero così emozionato che sono inciampato sulle scale andando di sopra». Diana, ha aggiunto William, cercava di mostrare loro «com’era la vita fuori dai palazzi reali». 

LADY DLADY D
Il duca di Cambridge ha confessato di pensare spesso a quanto sua madre avrebbe interpretato bene il ruolo di nonna: «Sarebbe stata una nonna magnifica – ha detto -. Sarebbe entrata mentre i nipoti facevano il bagno, avrebbe creato una montagna di bolle di sapone, avrebbe riempito la stanza di schizzi d’acqua e sarebbe uscita». Harry ha detto di avere pianto solo due volte dopo la morte della madre, la prima quando si svolse il funerale privato ad Althorp House, la residenza degli Spencer. Il lutto per la sua morte è stato soffocato dalle rigide convenzioni del Palazzo e deve essere ancora completamente elaborato. 

William ha spiegato la decisione di parlare apertamente in tv della madre con il forte desiderio di perpetuarne l’eredità a vent’anni dalla morte. Nell’estate del 1997, William e Harry trascorsero qualche giorno con la madre a bordo dello Jonikal, lo yacht degli Al Fayed e per loro non furono vacanze del tutto felici.
carlo e dianaCARLO E DIANA 

C’erano il mare, i tuffi, i motoscafi e le moto d’acqua, ma a William non piaceva vedere sua madre essere palpata da un playboy egiziano e trovava inaudito lo sfarzo esibito a bordo, con pranzi luculliani le cui portate venivano spesso portate via intonse: a Buckingham Palace veniva servito solo quello che poi si sarebbe mangiato. William lo aveva detto a sua madre in una burrascosa telefonata da Balmoral, che ha preceduto solo di pochi giorni quell’ultima e brevissima telefonata del 30 agosto.  
LADY D DOCLADY D DOC
LADY DLADY D
WILLIAM HARRY E CARLO D INGHILTERRA AL FUNERALE DI LADY DIANAWILLIAM HARRY E CARLO D INGHILTERRA AL FUNERALE DI LADY DIANALADY DIANA E DODI AL FAYEDLADY DIANA E DODI AL FAYEDLADY DIANA LA SERA DELL INCIDENTELADY DIANA LA SERA DELL INCIDENTE

“LE MALDIVE DI MILANO" - DOPO IL VIDEO DI QUATTRO RAGAZZI BRIANZOLI LA VAL VERZASCA, NEL CANTON TICINO, A 1 ORA DI MACCHINA DAL CAPOLUOGO LOMBARDO, VIENE INVASA DAI TURISTI -MA MOLTI ABITANTI DELLA ZONA SI LAMENTANO: "ALTRO CHE MALDIVE, SEMBRA DI ESSERE A RIMINI”…- VIDEO.....

MALDIVE MILANOMALDIVE MILANO

Franco Zantonelli per repubblica.it

UN'ORA di macchina, code permettendo, e da Milano ti ritrovi alle Maldive. Ancora meno, perché partendo da Varese bastano 45 minuti. Senza dover prendere aerei e smaltire il fuso orario. Le Maldive dietro l'angolo le ha scoperte, nel Canton Ticino, sopra Locarno, Marco Capedri, nickname Capedit, un ragazzo brianzolo Il quale, dopo una gita nella Valle Verzasca, ha postato un video su Facebook, definendo quell'angolo di Svizzera "un posto pazzesco" e, appunto ribattezzandolo "le Maldive di Milano".

"Con acque cristalline e sabbie dorata", scrive Capedit, che ha trovato in fretta l'analogia con il più noto e gettonato arcipelago dell'Oceano Indiano. Il risultato di quel post? Due milioni e mezzo di visualizzazioni del filmato, sul web, e un'improvvisa processione, durante questi caldi fine settimana estivi, di migliaia di gitanti lombardi, nella Valle Verzasca, non preparata a un tale afflusso di turisti.

MALDIVE MILANOMALDIVE MILANO
Difatti non pochi abitanti della valle si lamentano per quell'invasione piuttosto disordinata. "Altro che Maldive, sembra di essere a Rimini", il commento rilasciato alla stampa locale da uno dei residenti, dopo che domenica scorsa si è ritrovato con auto, moto e camper, molti con targa italiana, ma altri con targa elvetica, a dimostrazione che il video di Capedit ha varcato il confine, parcheggiati per ogni dove, prati compresi. "Questi turisti del mordi e fuggi - ha rincarato un altro verzaschese - non hanno rispetto per nulla, dormono in auto, girano seminudi lungo le strade e trasformano la valle in un gabinetto a cielo aperto”.

Quello che infastidisce di più gli abitanti è però il fatto che così tante persone producono una marea di rifiuti, che non si sognano assolutamente di portarsi via. C'è, tuttavia denuncia su Facebook che "non c'è nulla da fare, il ticinese non ha la mentalità imprenditoriale e, invece di sfruttare la situazione a proprio vantaggio, si lamenta".
MALDIVE MILANOMALDIVE MILANO

"Quando c'è turismo di massa- relativizza con Repubblica Roberto Bacciarini, il sindaco di uno dei comuni interessati, Lavertezzo - è chiaro che ci sono molto rifiuti, però devo dire che sono stati depositati nelle aree deputate". E questa domenica com'è la situazione? "C'è sempre molta gente, addirittura dei pullman di gite organizzate, però direi che la situazione è sotto controllo".

Quindi, per concludere, grazie a Capedit che vi ha fatto una bella pubblicità. "Si, ci ha fatto una bella pubblicità, però ci farebbe un ulteriore favore se chiedesse ai suoi connazionali di parcheggiare le auto in modo ordinato, rispettando le regole del luogo". 
MALDIVE MILANOMALDIVE MILANO


Votate per Isidoro. Lecca la fica in modo strepitoso... Gennaro lecca il membro. Romula lo succhia al suo amato qui e dovunque si trova»: non sono scritte oscene lette nei bagni dell’autogrill, ma graffiti dell’antica Pompei. Il sesso è vecchio come il mondo anche se oggi se ne ciarla tanto, ed esplicitamente, come se fosse una invenzione dell’altroieri. Da Dagospia al cinema d’autore, la pornografia è onnipresente e i pornodivi sono i nuovi maître e maîtresse à penser, ospiti fissi in tv e online accanto a blasonati colleghi delle fiction a sfondo erotico.........






pompei a luci rossePOMPEI A LUCI ROSSE
Camilla Tagliabue per L’Espresso

Votate per Isidoro. Lecca la fica in modo strepitoso... Gennaro lecca il membro. Romula lo succhia al suo amato qui e dovunque si trova»: non sono scritte oscene lette nei bagni dell’autogrill, ma graffiti dell’antica Pompei. Il sesso è vecchio come il mondo anche se oggi se ne ciarla tanto, ed esplicitamente, come se fosse una invenzione dell’altroieri. Da Dagospia al cinema d’autore, la pornografia è onnipresente e i pornodivi sono i nuovi maître e maîtresse à penser, ospiti fissi in tv e online accanto a blasonati colleghi delle fiction a sfondo erotico.

Se sul piccolo schermo, dopo Master of sex e Californication, va per la maggiore “I love Dick” - in cui due sposi si innamorano entrambi del professor Dick, nomen omen per indicarne i genitali - in teatro si sono appena visti un Pinocchio sodomizzato (al Piccolo di Milano) e una versione tedesca delle “50 sfumature” di E.L. James (al Festival delle Colline Torinesi).

POMPEI A LUCI ROSSE 4POMPEI A LUCI ROSSE 4
Il porno spopola anche in libreria: c’è la “Metafisica della puttana” di Laurent de Sutter (Giometti & Antonello); la Milf di Rosa Montero (Salani); i pedofili di Inge Schilperoord e Walter Siti (Fazi e Rizzoli); l’inchiesta di Emily Witt, “Future Sex” (minimum fax), che ha sperimentato personalmente le nuove frontiere della sessualità. Persino il defunto Jean Baudrillard è stato tirato per la giacchetta e lasciato con le pudenda al vento, pubblicando una raccolta di suoi scritti con l’ammiccante titolo “Pornografia del terrorismo” (FrancoAngeli); senza contare la ricca manualistica, come le “Guide erotiche” di Alessandro Bertolotti (Odoya).

Ma è tutto déjà vu e déjà lu perché - come si è detto - il porno è un classico: quale miglior luogo allora per stanarlo, e recuperarne l’antico sapore, se non i classici della letteratura? Non quella di genere, però, smaccatamente erotica, tipo Sade, Miller, Nin, Bataille... ma la Letteratura maiuscola, quella che si studia a scuola e che nessuno si sognerebbe di “vietare ai minori di”, considerandola a torto più polverosa che pruriginosa, quando invece è zeppa di zozzerie e sensualità.

SHAKESPEARE IN LOVESHAKESPEARE IN LOVE
Romeo e Giulietta, ad esempio, è stato ristampato da Mondadori tra gli Oscar per ragazzi, dai 12 anni in su, ma è una miniera di doppisensi e oscenità: «Datemi una guaina per metterci dentro il mio viso», dice Mercuzio parlando d’amore, non proprio cortese, e tessendo le lodi della regina Mab, «che se trova supine le ragazze le costringe all’abbraccio».

Dal Bardo il minimo che ci possa aspettare è la malizia, il massimo (forse) la zoofilia, come Titania nel “Sogno di una notte di mezza estate”, che si eccita per un tizio orribile con la testa di asino. Tutto è travestitismo in Shakespeare, non solo perché gli interpreti erano uomini. Nella “Dodicesima notte”, addirittura, il gioco è al quadrato: l’attore protagonista, infatti, recita la parte di una ragazza, Viola, che a sua volta si camuffa da ragazzo e seduce un’altra donna. Degli scandalosi e ambigui amori adolescenziali racconta anche Frank Wedekind in “Risveglio di primavera”, una «tragedia di fanciulli» più volte censurata perché a risvegliarsi, innanzitutto, è la sessualità, se non la depravazione.
SHAKESPEARE IN LOVE 2SHAKESPEARE IN LOVE 2

Più convenzionale, benché altrettanto stigmatizzato, è l’amplesso tra adulteri nell’“Amante di Lady Chatterley”: «Quando entrò in lei, Connie sentì su di sé la sua carne nuda... sciogliendola tutta dentro». Oggi diremmo con sufficienza che è “straight”, banale sesso eterosessuale, al massimo un po’ rude e campestre, così come in un’altra opera di David Herbert Lawrence, “La volpe” (Marsilio), o nei “Sillabari” di Goffredo Parise.

Che il matrimonio sia spesso più perverso dell’adulterio lo spiega Tolstoj nella “Sonata a Kreutzer”, laddove la moglie è definita dall’uxoricida «un animale», mentre Balzac, nella “Fisiologia del matrimonio”, sentenzia: «La moglie non è che un’appendice dell’uomo; perciò tagliate, mutilate, rosicchiate. Non fate caso a lamentele, gemiti e sofferenze».

madame bovaryMADAME BOVARY
Il Goethe delle “Affinità elettive” è il teorico dello scambismo come scienza esatta: «Pensi a una A che sia intimamente legata a una B; quindi pensi a una C che si comporti analogamente con una D. Ora metta in contatto le due coppie e vedrà A volgersi a D e C a B». Tradotto: all’inizio del romanzo Eduard è sposato con Charlotte e Ottilie viene spinta tra le braccia del capitano. Alla fine, Eduard si innamora di Ottilie e Charlotte del capitano. Interessanti anche le pagine in cui i primi due vanno a letto insieme pensando però ai rispettivi amanti: da quell’unione nascerà un figlio “mostruoso”, con le fattezze dei concubini e non dei genitori!

A Emma Bovary piaceva il sesso in movimento: così almeno ce la descrive Flaubert, mentre viaggiava in carrozza con Léon, tra lo stupore dei passanti e del cocchiere, che «non comprendeva che furore di locomozione spingesse quegli individui a non volersi mai fermare».
flaubert difende madame bovaryFLAUBERT DIFENDE MADAME BOVARY

On the road, ma questa volta su un treno, è anche il trastullo erotico che Emmanuel Carrère propone alla partner in “Facciamo un gioco”, guidandola in una sessione di autoerotismo: «Allora? È bagnata? Un po’ me lo immaginavo... Quindi hai il diritto di pensare al mio cazzo. Ma senza saltarci sopra. Senza fretta».

A girare sulla giostra, in un perverso tourbillon, sono gli amanti delle “Relazioni pericolose” di Laclos, un concentrato di libertinismo, intrighi, mercimoni e sadomasochismo spinto: «Allora ditemi, o languido amante, le donne che avete posseduto, credete forse di averle violentate?... Per conto mio, una delle cose che mi eccitano di più è un attacco fisico diretto, metodico e rapido», scrive la puntigliosa marchesa de Merteuil.

JAMES JOYCEJAMES JOYCE
Protagonisti, loro malgrado, di uno sputtanamento planetario sono i divi del jet-set degli anni 50-60, perfidamente ritratti da Truman Capote in “Preghiere esaudite”, che gli costò l’ostracismo dai salotti americani. Per capire il tenore della parodia bastano poche citazioni, tipo: «Non c’è niente di meglio del pompino per rassodare le mascelle». Memorabile è anche il gossip su Greta Garbo e Cecil Beaton. Lui: «La cosa più penosa dell’invecchiare è la scoperta che i miei genitali stanno rimpicciolendo». Lei: «Ah, potessi dire lo stesso anch’io!».

Del succhiare seni ci parla Joyce nel monologo finale dell’“Ulisse”, per bocca di Molly («Credo che li abbia fatti diventar più sodi lui a forza di succhiarli in quel modo per tanto tempo che mi faceva venir sete lui le chiama tettine»), mentre del succhiare genitali ci raccontano Moravia ne “La vita interiore” («Mi piaceva l’idea di fare con la bocca ciò che si fa col sesso») e Pasolini in “Petrolio”, in cui Karl pratica una fellatio a venti ragazzetti, oltre a masturbarsi in pubblico e ad avere rapporti incestuosi con la madre, le sorelle e la nonna.

proustPROUST
Non solo PPP si è occupato di omoerotismo; al di là dei classici di genere come “Il libro bianco” di Cocteau o il “lesbo” “Gamiani” attribuito a de Musset, capolavori sono i romanzi di Jean Genet (il Saggiatore), tra cui spicca “Querelle de Brest”: «Conoscerò la pace soltanto quando mi scoperà, ma in modo tale da tenermi, una volta dentro di me, sdraiato sulle sue cosce, come una Pietà tiene il cadavere di Gesù». Fan della sodomia eterosessuale fu invece Céline, che nelle “Lettere alle amiche” (Adelphi) avverte: «Niente amore senza preservativo, altrimenti da dietro... Attenzione ai bambini e alle malattie».

Maestro di voyeurismo è Proust: nella “Recherche” il narratore scopre il lesbismo spiando da una finestra la signorina Vinteuil e la sua amica, intente ad amoreggiare e a sputare su una foto del padre della prima; poi assiste all’incontro sodomitico tra Charlus e Jupien e, infine, è lui stesso a essere sorpreso mentre si dedica al piacere solitario in gabinetto.

CELINE 7CELINE 7
Campioni di feticismo sono Witold e Federico in “Pornografia” di Gombrowicz, libro che, nonostante il titolo, ha poco o nulla di pornografico, ma molto di perverso: i due, infatti, sono irresistibilmente attratti da una coppia di adolescenti, Enrichetta e Carlo, tanto da eccitarsi quando li vedono schiacciare insieme un lombrico e disposti a tutto, anche all’omicidio, pur di farli accoppiare. Altalenante è pure l’attrazione tra Tomáš e Tereza nell’“Insostenibile leggerezza dell’essere” di Kundera: lei «si rifiutava di fare l’amore da dietro», mentre lui «registrava il ripido e stretto cammino della conquista sessuale: la prima aggressione verbale, la prima oscenità che lui aveva detto a lei, tutte le piccole perversioni alle quali lui l’aveva pian piano costretta». Per le orge è meglio darsi alla lettura di Bret Easton Ellis e Michel Houellebecq, da scegliersi in base al numero dei partecipanti: in “Glamorama” ammucchiate a tre (una donna, due uomini), mentre in “Lanzarote” a quattro (due donne, due uomini).

Balthus per le dizioni PenguinBALTHUS PER LE DIZIONI PENGUIN
Per un folcloristico Bunga Bunga torna utile Dostoevskij: nelle sue opere c’è tutto, dal sadomasochismo alla prostituzione, dalla sodomia allo stupro. Una versione ante litteram del Bunga Bunga è contenuta nei “Karamazov”, laddove si narra di una festicciola animata da tipacci, musicisti e ragazze alticce quanto discinte, «che divoravano lo champagne con gli occhi» e che, «a mano a mano che si beveva, diventavano un po’ troppo volgari e licenziose. E pure le loro danze: due ragazze si erano vestite da orso, e Stepanida, con un bastoncino in mano, recitava la parte dell’ammaestratore. Gli orsi alla fine si rotolarono sul pavimento in maniera ormai indecente». Tra i più «lussuriosi» della saga ci sono il patriarca Fëdor e il primogenito Dmitrij, uno per cui «si incomincia con l’ideale della Madonna e si finisce con l’ideale di Sodoma... La bellezza è proprio in Sodoma... Amavo la depravazione e la vergogna della depravazione. Amavo la crudeltà». I due sono rivali in amore, chiamiamolo così, nel contendersi Grušen’ka, donna dai modi espliciti e dalla lingua infuocata: «Da ora in poi sarò la tua schiava! Picchiami, tormentami, fa’ di me quel che vuoi... Oh, io merito di soffrire».

Che dire poi dei “Demòni”, «gente dedita alla più bestiale lussuria? È vero che lo stesso marchese de Sade avrebbe potuto imparare qualcosa da lei? È vero che lei seduceva e pervertiva bambini?», chiedono a uno della combriccola, mentre un altro, Stavrogin, con i bambini ci era andato davvero: lo confessa lui stesso in un capitolo censurato. Stavrogin (che sposa una zoppa, altra perversione) racconta come ha sedotto Matrëša, «quattordici anni, ancora una bambina nell’aspetto... Mi cinse il collo con le braccia e cominciò a baciarmi furiosamente», ma, alla fine, a violenza avvenuta, si impiccherà.
PASOLINI 14PASOLINI 14

Dei rapporti tra Humbert Humbert e Lolita non è dato sapere molto: ci provò, anni fa, Pia Pera a ricostruire gli abusi nel “Diario di Lo”. Nabokov dice del suo prim’attore che era «ingenuo come sanno esserlo solo i pervertiti». Qua e là, tuttavia, spunta qualche descrizione dell’amplesso: «Dopo essermi saziato di lei, la prendevo tra le braccia con un muto gemito di umana tenerezza... e al culmine di questa tenerezza umana, angosciata, altruistica, tutto d’un tratto, ironicamente, orribilmente, la lussuria si gonfiava di nuovo, e “oh, no” diceva Lolita con un sospiro rivolto al paradiso, e tutto andava in pezzi».
CARRERECARRERE

Nel 1956, un anno dopo la pubblicazione di “Lolita”, Nabokov aggiunse una sardonica postfazione: «Che il mio romanzo contenga varie allusioni agli impulsi fisiologici di un pervertito è verissimo. Ma dopotutto non siamo bambini, non siamo delinquenti minorili analfabeti, né collegiali inglesi che dopo una notte di baldorie omosessuali devono subire il paradosso di leggere i classici in edizione espurgata».

Purgata fu invece Marguerite Duras, espulsa dal Partito comunista con l’accusa di «reputazione di ninfomane e donna di facili costumi»: anche lei si cimentò con il tema della pedofilia, affabulando nell’“Amante” la storia (autobiografica) tra una quindicenne e un giovane uomo cinese, «innamorato in modo abominevole. Prima c’è il dolore. Poi quel dolore viene sopraffatto, trasformato, portato verso il piacere». La situazione è ribaltata in “Occhi blu capelli neri”, dove la liaison si consuma tra un ragazzotto e una donna adulta, riferimento all’ultima relazione della Duras con un toy-boy bisessuale di nome Yann.

PASOLINI 14PASOLINI 14
Stuprata da adolescente è pure Séverine della “Bestia umana” di Zola, che diventa amante del protagonista Jacques. I due vivono una passione brutale: «Si possedettero, ritrovando l’amore in fondo alla morte, nella stessa dolorosa voluttà delle bestie che si sventrano quando sono in calore». A lui, ogni volta che va a letto con qualcuna, piglia la fregola di ammazzarla: «Possedere e uccidere si equivalevano?».

Se il sesso è foriero di morte lo è anche di resurrezione: così lascia intendere Saramago nel “Vangelo secondo Gesù Cristo”, quando descrive un amplesso sacro quanto profano. «Dio, che è dappertutto, era anche lì, ma non poteva accorgersi come la pelle dell’uno sfiorasse quella dell’altro, come la carne di lui penetrasse quella di lei, e forse ormai non era più lì quando il seme sacro di Giuseppe si riversò nel sacro interno di Maria».

Di sesso, insomma, si è sempre parlato e sempre si è scritto, in tutta la Storia della Letteratura: non è un genere a sé, né una conquista dell’altroieri, né un argomento a uso e consumo dei soli pornografi, pornodivi e youporner vari. Perciò, smettiamola di fare «Molto rumore per nulla», che, poi, quel «nulla» sta per le pudenda femminili: ovvio, è Shakespeare.
Francia 2005FRANCIA 2005

POMPEI A LUCI ROSSEPOMPEI A LUCI ROSSEEmmanuel carrereEMMANUEL CARRERE SHAKESPEARESHAKESPEARE