yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei

video

Loading...

martedì 23 gennaio 2018

Iran’s ballistic missile program is not up for negotiation, top Iranian officials have restated, criticizing next week's US diplomatic mission to Europe with a mandate to revise and “fix” the landmark 2015 nuclear agreement....

Europe’s ‘concessions’ make Trump less committed to nuclear deal – Tehran


Iran’s ballistic missile program is not up for negotiation, top Iranian officials have restated, criticizing next week's US diplomatic mission to Europe with a mandate to revise and “fix” the landmark 2015 nuclear agreement.
On Monday, Secretary of State Rex Tillerson announced the US is dispatching a diplomatic team to Europe to iron out “flaws in the nuclear agreement” signed by Iran and the so-called P5+1 – the five permanent members of the UN Security Council (China, France, Russia, the UK, and the US) + Germany.
Britain, France and Germany have reportedly already begun talks on a strategy to address Iran’s ballistic missile program while preserving the 2015 accord. Tehran is concerned the Europeans might cave in to Washington’s desire to rework the deal.
“Some of them [European signatories of the nuclear deal] think that if they make concessions to Trump on issues other than the nuclear deal, they can make him remain committed to the nuclear deal,” said Seyyed Abbas Araghchi, the Iranian Deputy Foreign Minister for Political Affairs. “This is a fully wrong policy and will certainly have a reverse outcome and we have clearly said this to Europe too.”
Iran nuclear deal is a disaster and the US will no longer certify this ill-conceived agreement - Pence https://on.rt.com/8xh7 
The Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) places limitations on Tehran’s nuclear energy program in return for the lifting of economic sanctions. There was, however, no agreement among the P5+1 to push for binding restrictions on Iran’s ballistic missile program. The International Atomic Energy Agency (IAEA) has since repeatedly confirmed that Iran is in full compliance with JCPOA.
Washington and the Europeans, however, claim that Tehran’s missile program violates UN Security Council Resolution 2231, which endorsed Tehran’s nuclear deal with the P5+1 states. Earlier this month, Trump waived sanctions against Iran for the “last time,” and warned European allies the US would pull out of the accord if they do not fix its “terrible flaws.”
China urges US to ‘cherish’ Iran nuclear deal, slams unilateral sanctions policy https://on.rt.com/8wva 
Specifically, Trump called for the removal of the so-called “sunset clauses” which allows Iran to gradually resume nuclear activities in the next decade. Trump’s ultimatum was also paired with fresh sanctions against Tehran for alleged human rights abuses and ballistic missile development.
The French Foreign Minister, Jean-Yves Le Drian, said Sunday that Paris has already begun discussions on Iran’s missile program with Tehran, which according to reports also involved London and Berlin. Iran denied such a meeting took place and resolutely maintains that its missile program is purely defensive. The Islamic Republic denies its rockets are capable of carrying nuclear warheads, but has made clear that its missile program is non-negotiable.
“If there is such a quote [from the French foreign minister] that we held talks, we deny it,” Iran’s foreign ministry spokesman saidMonday. “We have not had any negotiations about our missile and defense capabilities and will not talk about these issues with others.”
“The news reported in the media that Iran held negotiations with Germany and UK on missile defense issues is untrue,” Araghchi further noted Monday, just days after returning from Berlin.
Russia has repeatedly warned that dismantling the Iran nuclear deal will have drastic security consequences for the entire world. “It is evident that the failure of the Joint Comprehensive Plan of Action, especially through the fault of one of the participants in the P5+1 group, will become an alarming signal for the whole architecture of international security, including prospects for the settlement of the nuclear problem of the Korean peninsula,” Russian Foreign Minister, Sergey Lavrov told the UN Security Council meeting last week.

da "rt.com"

Dopo quaranta minuti di chiacchierata, Jean-Claude Juncker lascia la sala al secondo piano del Parlamento europeo e prova a sgusciare via accelerando il passo. Come è andato questo incontro “informale” con Silvio Berlusconi? «Eccellente» concede il presidente della Commissione Ue ai cronisti, ma con l’aria di chi lo dice più per dovere che per piacere. Per il leader di Forza Italia basta e avanza. La riabilitazione europea è riconquistata. Almeno quella nel suo partito di riferimento, il Ppe.....





Dopo quaranta minuti di chiacchierata, Jean-Claude Juncker lascia la sala al secondo piano del Parlamento europeo e prova a sgusciare via accelerando il passo. Come è andato questo incontro “informale” con Silvio Berlusconi? «Eccellente» concede il presidente della Commissione Ue ai cronisti, ma con l’aria di chi lo dice più per dovere che per piacere.  

Per il leader di Forza Italia basta e avanza. La riabilitazione europea è riconquistata. Almeno quella nel suo partito di riferimento, il Ppe. Che ha deciso di riabbracciarlo e di dare il suo «appoggio chiarissimo» a Forza Italia, come spiega il segretario generale del Ppe, Antonio Lopez. I popolari temono un exploit della Lega, per questo scendono in campo per sostenere la leadership del partito di Berlusconi nella coalizione. Lui si vuole accreditare come “garante” del centrodestra, ma da Milano Matteo Salvini sbuffa: «L’Italia non ha bisogno di garanti». 


Per Berlusconi, comunque, è il giorno dell’europeismo galoppante. Anzi, la due giorni, visto che la sua visita a Bruxelles in casa Ppe proseguirà anche oggi: dopo aver visto Michel Barnier, capo-negoziatore per la Brexit, questa mattina incontrerà Joseph Daul, presidente del Ppe, e la commissaria all’Economia Maryia Gabriel (con cui parlerà di “fake news”: nella task force anti-bufale della Commissione c’è anche Gina Nieri, dirigente Mediaset). Berlusconi euro-ottimista, dunque, che sottolinea «l’essenzialità dell’esistenza dell’Unione Europea» e promette: «Rispetteremo la regola del 3% nel rapporto debito/Pil». Addirittura esulta per la Grande Coalizione in Germania «che comporterà per la signora Merkel la possibilità di essere ancora autorevole in Europa».  

Al suo fianco, grande regista dell’operazione Berlusconi a dodici stelle, c’è Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo, da tempo impegnato nel percorso di riabilitazione internazionale dell’uomo a cui nel 1994 faceva da portavoce. «C’è stata una buona discussione a tre - fanno sapere i collaboratori di Juncker, evidenziando che non si è trattato di un faccia a faccia - su tutte le questioni dell’attualità europea». Silvio amplia il raggio e racconta che con il lussemburghese («con cui ho un’antica amicizia») ha parlato «di tutti quelli che sono i problemi attuali del mondo».  

Tutti i problemi del mondo in 40 minuti di colloquio, con un focus particolare sulla Russia («Serve una relazione amichevole») e sull’Africa, «per far sì che i nativi raggiungano il benessere e non debbano trasferirsi in Occidente». A molti eurodeputati non è piaciuto che «il presidente della Commissione si sia prestato a questo teatrino». Critiche trasversali, che vanno dai grillini al Pd.  

Inutile, però, l’appello in extremis dei Verdi Philippe Lamberts e Marco Affronte: «A Bruxelles c’è un condannato che gira in doppiopetto per fare il padrino politico dei propri delfini del Ppe. Juncker dovrebbe rifiutare l’incontro». Per il resto, anche lontano dall’Italia, anche in veste europeista, Berlusconi fa il solito Berlusconi. Battute sempre in quella direzione: «Mi hanno detto che a Bruxelles non ci sono belle donne». Qualche gaffe storica: «Nel 2002, grazie a me, siamo riusciti a far entrare la Federazione Russa nella Nato» (si riferiva alla nascita del Consiglio Nato-Russia a Pratica di mare). E divieto assoluto per i giornalisti di fare domande se non esplicitamente concordate in anticipo con la sua assistente Licia Ronzulli. «No dai, oggi non parliamo di Lega - fa muro l’ex eurodeputata -. Teniamo il livello del discorso più alto». 


di Marco Bresolin per "lastampa.it"

lunedì 22 gennaio 2018

A group of separatists in southern Yemen, backed by the United Arab Emirates (UAE), has declared a state of emergency in the port city of Aden and vowed to overthrow the country's internationally recognised government within the next week. Aidarous al-Zubaidi, the leader of the Southern Transitional Council (STC), said Yemen's parliament would be barred from convening in Aden or anywhere else in southern Yemen unless President Abd-Rabbu Mansour Hadi replaced Prime Minister Ahmed bin Daghr and his entire cabinet.....

Aidarous al-Zubaidi held a meeting in Aden on the future of South Yemen [Courtesy of Southern Transitional Council]
Aidarous al-Zubaidi held a meeting in Aden on the future of South Yemen [Courtesy of Southern Transitional Council]
A group of separatists in southern Yemen, backed by the United Arab Emirates (UAE), has declared a state of emergency in the port city of Aden and vowed to overthrow the country's internationally recognised government within the next week.
Aidarous al-Zubaidi, the leader of the Southern Transitional Council (STC), said Yemen's parliament would be barred from convening in Aden or anywhere else in southern Yemen unless President Abd-Rabbu Mansour Hadi replaced Prime Minister Ahmed bin Daghr and his entire cabinet.
Speaking at a meeting on Sunday, al-Zubaidi accused Hadi’s government of "rampant corruption" and of "waging a misinformation campaign against the southern leaders using state funds".
"The Southern Resistance Forces (SRF) declare a state of emergency in Aden and announce that it has begun the process of overthrowing the legitimate government and replacing it with a cabinet of technocrats," a statement issued by the STC said.
The SRF, an armed group that has clashed with forces loyal to Hadi for control of strategic areas including Aden airport, will "become the core of a new force that will rebuild South Yemen's security and military institutions," the statement added.
Several commanders from security forces set up by the UAE attended the meeting and declared their support for the announcement.
The statement, however, did not give details on how it intended to topple Hadi's government, only that he had a week to comply.

Different agendas?

The announcement underscores rising tensions between Hadi's government, which is supported by Saudi Arabia, and the southern separatists, who are backed by the UAE.
The UAE entered Yemen's war in March 2015 as part of a Saudi-led coalition after Houthi rebels, traditionally based in the northwest of the country, overran much of the country, including the capital Sanaa, in 2014.
Nearly three years on, Saudi Arabia has said it "wants out" of the war, but the UAE has become more involved in the conflict, indicating a divide in the two countries' agendas.
The UAE has been financing and training armed groups in the south of the country who answer to al-Zubaidi, a 50-year-old militia leader who emerged from relative obscurity in late 2015 after helping purge the Houthis from Aden.
Al-Zubaidi was initially rewarded and made governor of Aden by Hadi, but soon fell out of favour after reports emerged he was receiving patronage from the UAE to campaign for secession.
The Middle East Eye news website, quoting sources, reported that Hadi was incensed with the UAE, accusing Abu Dhabi Crown Prince Mohammed bin Zayed of acting as an occupying force, as opposed to a liberation force.
Hadi's weakening has gone hand-in-hand with the UAE's growing power in southern Yemen.
The Gulf nation has financed a network of militias that only answer to it, set up prisons, and created a security establishment parallel to Hadi's government, according to Human Rights Watch.
The Arab coalition has so far failed to achieve its stated aims as Houthi rebels continue to hold the capital Sanaa and much of the north.
The war has taken a huge toll on the country with more than 60,000 people killed and wounded by fighting, and millions of Yemenis at risk of famine amid a massive cholera outbreak.

da "aljazeera.com"

Five people have been killed in artillery fire in the Syrian capital, Damascus, according to a UK-based war monitoring group. The Syrian Observatory for Human Rights (SOHR), which gathers details of casualties from a network of sources inside the country, said on Monday that 11 others were wounded in the attack on the neighbourhood of Bab Touma.....

It remains unclear who was responsible for the attack [File: Bassam Khabieh/Reuters]
It remains unclear who was responsible for the attack [File: Bassam Khabieh/Reuters]
Five people have been killed in artillery fire in the Syrian capital, Damascus, according to a UK-based war monitoring group. 
The Syrian Observatory for Human Rights (SOHR), which gathers details of casualties from a network of sources inside the country, said on Monday that 11 others were wounded in the attack on the neighbourhood of Bab Touma.
The government's official news agency, SANA, confirmed the reports, saying those killed in the attack were civilians. 
A source in Damascus police reportedly told SANA "armed groups deployed in several areas of Eastern Ghouta targeted the neighbourhood of Bab Touma with artillery shells, one of which hit a bus stop at the neighbourhood's roundabout ..." 
SANA cited the source as saying that some were critically wounded, meaning the death toll was likely to go up.
It remains unclear who was responsible for the attack. No group has claimed responsibility.
According to the SOHR, at least seven others were wounded in shelling on other areas of Damascus. 
Eastern Ghouta is an opposition-held area adjacent to Damascus, where the government of President Bashar al-Assad sits.
The proximity of Eastern Ghouta to Damascus makes it a key target.
Since 2013, the government has maintained a suffocating siege on the area in an effort to weaken the rebel groups, and continues to shell it despite a so-called de-escalation agreement meant to lessen the violence there. 
The area is under the control of groups loyal to the Free Syrian Army (FSA), a loose conglomeration of armed brigades made up of Syrian army defectors and ordinary civilians, which receive financial and logistical support from the US, Turkey, and several Arab Gulf countries.
The four-year siege has led to a major humanitarian crisis, with severe food and medicine shortages.

da "aljazeera.com"

Catalonia's former president vowed to form a new government in the region that recently elected politicians seeking to break away from Spain, brushing aside what he called Madrid's "threats" and "oppression". Carles Puigdemont made the comments after it was announced on Monday he will be the candidate for president of Catalonia's regional government....

If Puigdemont attempts to rule from Belgium, Rajoy promises to continue direct rule through Article 155 [Francois Lenoir/Reuters]
If Puigdemont attempts to rule from Belgium, Rajoy promises to continue direct rule through Article 155 [Francois Lenoir/Reuters]
Catalonia's former president vowed to form a new government in the region that recently elected politicians seeking to break away from Spain, brushing aside what he called Madrid's "threats" and "oppression". 
Carles Puigdemont made the comments after it was announced on Monday he will be the candidate for president of Catalonia's regional government.
Separatist parties maintained their absolute majority in the Catalan parliament in late December, after a vote in a snap election called by Spanish Prime Minister Mariano Rajoy.
"We will not surrender to authoritarianism despite Madrid's threats," said Puigdemont during a debate on Catalonia at the University of Copenhagen.
"Soon we will form a new government … It's time to end their oppression and find a political solution for Catalonia."
The former president led the charge to separate from Spain as head of the Together for Yes coalition from 2015 to 2017, when the Catalan government was dissolved after declaring independence.
Puigdemont fled Catalonia for Belgium shortly after the declaration, which was not recognised by any sovereign nations.
He risks being arrested if he returns from self-imposed exile, following rebellion and sedition charges the Spanish government and judges levied against him.
The Catalan parliament will vote to decide its leadership roles and the presidency by January 31.
Puigdemont's presidential candidacy was confirmed on Monday by Roger Torrent, speaker of the regional parliament.
"I am conscious of the warnings that weigh upon him, but I am also conscious of his absolute legitimacy to be candidate," Torrent said.
Puigdemont left Brussels for Copenhagen to attend the conference on Monday.
Spanish prosecutors attempted to have a European arrest warrant for Puigdemont re-issued as he arrived in Copenhagen, his first trip outside of Belgium since fleeing Spain.
But Supreme Court Judge Pablo Llarena turned down the request, arguing Puigdemont had gone to Denmark "to provoke this arrest abroad" as part of a strategy to help his chances of being allowed to be sworn in as president of Catalonia again. 
The Spanish government has charged roughly a dozen former Catalan ministers with various crimes, including sedition and rebellion, in relation to their actions leading up to the declaration of independence.
Puigdemont was charged after he fled Spain. The Spanish High Court issued an EU-wide arrest warrant for him, but it was not enforced by Belgium.

Deja Vu

The results of the December vote were similar to those of a 2015 election that put separatists in power. Rajoy hoped to restore stability to the restive region, but results failed to put pro-unity parties in power.
The pro-unity Citizens party, which refuses to place itself on the political spectrum but consistently votes right-wing conservative, won the largest number of seats, with 36.
Puigdemont's party, Together for Catalonia, won 35, and the Republican Left of Catalonia (ERC), another separatist party, garnered 32.
ERC's leader Oriol Junqueras is the only Catalan politician who remains in prison.
The previous Catalan government was dissolved in October, when parliament voted to declare independence from Spain following the disputed referendum, wherein roughly 90 percent of voters chose to secede, but less than 50 percent of the electorate showed up at the polls.
The Spanish government enacted the previously unused Article 155 of the constitution, which gives it the power to directly administer regions.
It sent national police to prevent the referendum from taking place, which ended in violence against voters that rights groups called an "excessive use of force".
Rajoy said last week that Puigdemont cannot govern from Brussels. If he attempts to do so, Rajoy promised to continue the implementation of Article 155, which does not have a time limit.
 

The American embassy will be moved from Tel Aviv to Jerusalem by the end of next year, US Vice President Mike Pence told Israeli parliamentarians to enthusiastic applause. Greeted by a standing ovation on Monday inside the Knesset, Pence's speech was in its introductory phase when a scuffle broke out as Palestinian politicians from the Joint Arab List alliance raised posters of the al-Aqsa Mosque compound in protest before they were forcibly removed by security.

US Vice President Mike Pence shakes hands with Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu before his Knesset address [Ariel Schalit/Reuters]
US Vice President Mike Pence shakes hands with Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu before his Knesset address [Ariel Schalit/Reuters]
The American embassy will be moved from Tel Aviv to Jerusalem by the end of next year, US Vice President Mike Pence told Israeli parliamentarians to enthusiastic applause. 
Greeted by a standing ovation on Monday inside the Knesset, Pence's speech was in its introductory phase when a scuffle broke out as Palestinian politicians from the Joint Arab List alliance raised posters of the al-Aqsa Mosque compound in protest before they were forcibly removed by security.
"America stands with Israel," Pence said, undeterred by the disruption. "We stand with Israel because your cause is our cause. Your values are our values, and your fight is our fight.
"We stand with Israel because we believe in right over wrong, and good over evil, and in liberty over tyranny," Pence said to loud applause. 
In an unprecedented move, the US embassy invited leaders of settler movements in the occupied West Bank to attend Pence's speech in the Knesset - the first ever by a US vice president.
US Ambassador to Israel David Friedman is a staunch supporter of illegal Israeli settlements, and, in the past, he headed an organisation that donated millions of dollars to one in the occupied West Bank
Ushers scuffle with members of the Joint Arab List who held protest signs before Pence's Knesset address [Ariel Schalit/Reuters]

'Gift to extremists'

Al Jazeera's correspondent Harry Fawcett said Pence's address was directed at two groups: Israelis and his Christian conservative base at home.
"It was a speech full of religiosity, talking about the Hebrew bible and its significance here in Israel," Fawcett said, speaking from inside the Knesset in West Jerusalem.
Chief negotiator for the Palestinian Authority Saeb Erekat derided Pence's speech for its controversial religious nature.
"The messianic discourse of Pence is a gift to extremists and has proven that the US administration is part of the problem rather than the solution," Erekat said, according to a tweet by the Palestinian Liberation Organization's negotiations affairs department.
"His message to the rest of the world is clear: violate international law and resolutions and the US will reward you," Erekat added. 
Marwan Bishara, Al Jazeera's senior political analyst, highlighted the "scary" tone of Pence's address, noting the American vice president's Christian Evangelical background.
"This is a Catholic turned Evangelical. It's like almost a Wahhabite turned Ayatollah politician that is really bent on a religious war in the Middle East," Bishara said.
He also noted Pence spoke in terms of defending the Christians of the Middle East, while Christians in the region have refused to meet him.
"It's quite frustrating to analyse a person who speaks in terms of wanting peace while at the same time demolishing the entire basis for peace," said Bishara. "An entire sermon goes on without mentioning once that the Palestinians have been forced either into refugees or under occupation for the last 50 to 70 years."
Palestinian Authority President Mahmoud Abbas, meanwhile, met European Unionleaders in Brussels on Monday and urged them to quickly recognise Palestine officially as a nation-state.
"We truly consider the European Union as a true partner and friend and, therefore, we call its member states to swiftly recognise the state of Palestine and we confirm that there is no contradiction between recognition and the resumption of negotiations," Abbas, 82, told reporters.

Pence visit to Egypt, Jordan

Pence's visit to the Middle East marks the first by a senior US official after US President Donald Trump recognised Jerusalem as the capital of Israel last month, exacerbating tensions with Palestinians who have protested against the declaration.
The vice president spent a whirlwind 36 hours in Egypt and Jordan, capping a visit that was marked by tense discussions with the two leaders who are opposed to the US decision.
King Abdullah of Jordan urged Pence to stick to the two-state solution, which would see East Jerusalem as the capital of a future Palestinian state.
Pence earlier told Egyptian President Abdel Fattah el-Sisi if the Israelis and Palestinians "accept it" then the US would adopt that solution.
The angry Arab: Covering Donald Trump's Jerusalem move
THE LISTENING POST
The angry Arab: Covering Donald Trump's Jerusalem move

da "aljazeera.com"

Questo sì che è un bacio! La passione tra Massimiliano Allegri e Ambra non conosce momenti di stanchezza, i due innamorati si rincorrono per tutta Italia e approfittano di ogni momento libero per vedersi. Allegri, finita la sessione di allenamento con la Juventus, si è precipitato a Cerveteri, dove Ambra ha trascorso alcuni giorni con la famiglia.






allegri ambraALLEGRI AMBRA
Dea Verna per oggi.it


NE APPROFITTANO… – Questo sì che è un bacio! La passione tra Massimiliano Allegri e Ambra non conosce momenti di stanchezza, i due innamorati si rincorrono per tutta Italia e approfittano di ogni momento libero per vedersi. Allegri, finita la sessione di allenamento con la Juventus, si è precipitato a Cerveteri, dove Ambra ha trascorso alcuni giorni con la famiglia.
allegri ambraALLEGRI AMBRA

Ad aprirgli la porta è stato papà Alfredo, che ha salutato con calore il compagno della figlia. Allegri ha poi accompagnato Ambra a Roma, al teatro Eliseo, dove lei era in scena con la pièce La guerra dei Roses. Prima di separarsi, è scattato il bacio: glorioso, con Ambra che si abbandona nelle braccia di lui.

LA NOTTE IN ALBERGO – Poi Max l’ha aspettata in un albergo a cinque stelle vicino Villa Borghese. Lei, finito lo spettacolo, lo ha raggiunto, per concludere in bellezza una serata (e un anno) ad alto tasso di passione. Sarà davvero già in dolce attesa Ambra, come si è detto? L’entourage di lui ha smentito. Ma questo amore diventa sempre più solido e profondo.

Verso la fine del documentario prodotto dalla Hbo le parole di Lapo Elkann, figlio di Margherita Agnelli e nipote di Gianni l' Avvocato, nella loro asciuttezza suonano agghiaccianti: "Penso che sia stato un nonno meraviglioso, ma non avrei voluto essere suo figlio". Anche la testimonianza sullo zio e sul cugino Edoardo di Lupo Rattazzi, figlio di Susanna Agnelli, è asciutta e agghiacciante: "Eravamo a pranzo, a un certo punto Edoardo ha detto qualcosa, e Gianni gli rispose male, sprezzante. E io pensai che non riuscivo a credere che dopo tanti anni quel rapporto fosse così logorato dalla mancanza di rispetto del padre verso il figlio".





 
Giorgio Meletti per il Fatto Quotidiano

Edoardo e Gianni AgnelliEDOARDO E GIANNI AGNELLI
Verso la fine del documentario prodotto dalla Hbo le parole di Lapo Elkann, figlio di Margherita Agnelli e nipote di Gianni l' Avvocato, nella loro asciuttezza suonano agghiaccianti: "Penso che sia stato un nonno meraviglioso, ma non avrei voluto essere suo figlio". Anche la testimonianza sullo zio e sul cugino Edoardo di Lupo Rattazzi, figlio di Susanna Agnelli, è asciutta e agghiacciante: "Eravamo a pranzo, a un certo punto Edoardo ha detto qualcosa, e Gianni gli rispose male, sprezzante. E io pensai che non riuscivo a credere che dopo tanti anni quel rapporto fosse così logorato dalla mancanza di rispetto del padre verso il figlio".
AgnelliAGNELLI Agnelli doc HBOAGNELLI DOC HBO

Tre giorni dopo, il 15 novembre 2000, Edoardo Agnelli si suicidò lanciandosi nel vuoto da un viadotto alto 80 metri sull' autostrada Torino-Savona. Giulio Marconi, per una vita cuoco dell' avvocato, sembra il più umano: "Allora io gli ho fatto, Avvoca', dico, un po' di colpa ce l' ha pure lei. Edoardo per me era un ragazzo bravissimo, il padre ha avuto poca fiducia in lui, e lui vedendosi così ha fatto quello che ha fatto".

Tiberto Rodrigo Brandolini d' Adda, detto Ruy, figlio di Cristiana Agnelli e cugino di Edoardo, sembra emozionato: "Gianni era totalmente devastato. Mi disse: 'Dio, devi avere un sacco di coraggio per buttarti giù da quel ponte'. Sì, Edoardo lo fece per mostrare al padre che aveva coraggio".
Agnelli si sposaAGNELLI SI SPOSA

Nicola Caracciolo di Castagneto, fratello di Carlo e Marella, cognato dell' Avvocato, si commuove: "Dopo il funerale di Edoardo, nella casa di Villar Perosa, Gianni mi disse: 'Non dovremmo mai dimenticare che questa è stata una casa felice, ma questa adesso non è una casa felice'". La sorella Cristiana: "Vidi Gianni un mese dopo la morte di Edoardo. Era molto, molto triste. Non lo riconobbi". Dopo il suicidio del figlio che non aveva saputo amare, l' Avvocato sprofonda in una invincibile depressione e nella malattia che lo ucciderà due anni dopo, il 24 gennaio 2003.

Gianni Agnelli con EdoardoGIANNI AGNELLI CON EDOARDO 
Il documentario di Nick Hooker con cui questa sera alle 21,15 (domenica scorsa, ndr) il canale Sky Atlantic HD ricorda il signor Fiat a quindici anni dalla morte, è sobrio come il suo titolo (Agnelli) e con qualche lacuna e ingenuità storiografica riempie un vuoto singolare. Attorno a quest' uomo, centrale nella storia italiana del Dopoguerra, si è creata una cortina di silenzio.
edoardo agnelliEDOARDO AGNELLI

Trent' anni fa Agnelli incaricò di scrivere la sua biografia il giornalista del Wall Street Journal Roger Cohen, gli fece ore di confidenze e poi cambiò idea, lo pagò e si tenne il libro. Nel 2008 John Elkann incaricò di scrivere una biografia autorizzata del nonno la giornalista dell' Economist Vendeline von Bredow. Due anni di lavoro ma neanche quel volume è mai uscito. Si parla di un libro di memorie di Gianluigi Gabetti, uno dei manager più vicini all' Avvocato, stampato e mai pubblicato.
Gianni Agnelli con EdoardoGIANNI AGNELLI CON EDOARDO 

Poi c' è lo storico Giordano Bruno Guerri che ha in gestazione una nuova biografia autorizzata, sempre sotto la regia di Elkann, che però sembra faccia fatica a uscire. Agnelli l' irresistibile di Marie-France Pochna risale al 1990, quindi è datato e comunque ormai introvabile come Tutto in famiglia di Alan Friedman (1988). Inspiegabilmente, poi, la Mondadori ha messo fuori catalogo un recente (2007) piccolo classico come Casa Agnelli di Marco Ferrante.

Gianni Agnelli con MarellaGIANNI AGNELLI CON MARELLA 
A questo deserto di documentazione sulla storia di Agnelli fa eccezione il film di Giovanni Piperno Il pezzo mancante, disponibile sul sito Raiplay, che sviluppa da Casa Agnelli uno dei temi più imbarazzanti per la famiglia, ignorato da Hooker: la storia di Giorgio Agnelli, il fratello di Gianni, suicida nel manicomio svizzero dove fu rinchiuso dopo avergli sparato.

Certe reticenze sembrano dovute, come molti credono, alla comprensibile volontà degli eredi di non vedere strombazzati gli aspetti più imbarazzanti della biografia dell' Avvocato, almeno finché sarà in vita la moglie Marella Caracciolo, oggi novantenne. Per questo si fatica a capire la partecipazione corale dei parenti più stretti di Agnelli (in testa le due sorelle Maria Sole e Cristiana ei tre nipoti John, Lapo e Ginevra Elkann) al lavoro di Hooker, apologetico nei toni ma spietato nella sostanza.
Lapo Elkann - Gianni AgnelliLAPO ELKANN - GIANNI AGNELLI

C' è un prima e c' è un dopo. Il prima è la storia di un ragazzo nato nel 1921 a Torino in una famiglia ricchissima che perde il padre a 14 anni e si trova con sei sorelle e fratelli più piccoli. Vengono di fatto adottati ed educati dal nonno, il senatore Giovanni Agnelli, che dopo la Liberazione viene estromesso dalla sua Fiat come collaborazionista e, secondo la leggenda, ne muore di crepacuore. La fabbrica viene gestita dal manager Vittorio Valletta che dice a Gianni, il padrone, secondo la ricostruzione di Maria Sole Agnelli: "Lei si diverta e quando sarà il momento le riconsegnerò la Fiat". La sorella, ilare, commenta che Gianni davvero "si è divertito!".
Gianni Agnelli 0GIANNI AGNELLI 0

Diventa presidente della Fiat e smette di divertirsi (non del tutto, naturalmente) nel 1966, a 45 anni. Il prima e il dopo però si parlano. L' Avvocato padre della patria degli anni '70 e '80 è lo stesso uomo che, come raccontò la sorella Susanna a Massimo Fini, aveva letto un solo libro in vita sua (Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway), pubblicato peraltro quando Gianni aveva già passato i 30 anni: "Preferisce vivere piuttosto che leggere". È lì che si prepara la tragedia. Un uomo che dalla vita ha avuto tutto, bellezza, fascino, le donne più belle del mondo in fila per stare con lui, denaro senza limiti, e poi il potere, il prestigio, il ruolo di italiano più noto e più ammirato nel mondo intero, sarà distrutto dall' incapacità di amare il suo unico figlio maschio, colpevole forse di preferire leggere che vivere. O semplicemente di essere meno cinico di suo padre.
edoardo agnelliEDOARDO AGNELLI

La vita di Gianni da giovane? "Ragazze, ragazze, ragazze", sorride compiaciuta Maria Sole. "Un seduttore irresistibile", chiosa Diane von Fürstenberg, ex moglie di Egon figlio di Clara Agnelli. Un matto, insinua Carlo De Benedetti: "Guidava come se stesse gareggiando in Formula 1 e invece era nel centro di Torino". Una vita erotica turbolenta ma alla luce del sole, almeno davanti agli occhi di amici e amiche che nel documentario di Hooker non lesinano particolari indiscreti e piccanti fino al cattivo gusto.
edoardo agnelli con il padre gianniEDOARDO AGNELLI CON IL PADRE GIANNI

La stilista Jackie Rogers racconta della sera che in un albergo lo trovò a letto con Anita Ekberg, non si capisce bene se prima o dopo il matrimonio con Marella Caracciolo, ma forse si capisce. Sicuramente quel matrimonio fu preceduto da una relazione di cinque anni con la scoppiettante Pamela, un anno più grande di Gianni ed ex moglie del figlio di Winston Churchill.

Pamela lo voleva sposare ma non piaceva alle sorelle dell' Avvocato, e forse nemmeno a lui. La relazione costa cara all' Avvocato, in tutti sensi. Copre d' oro la ragazza, regalandole un attico nella zona più prestigiosa di Parigi e mettendole a disposizione servitù e autista. Ma una sera del 1952, in Costa Azzurra, Pamela lo sorprende con la giovane Anne-Marie d' Estainville e dà in escandescenze, notificando alla ragazza, e senza abbassare la voce, di ritenerla "una puttana".

Edoardo, Marella e Gianni AgnelliEDOARDO, MARELLA E GIANNI AGNELLI 
Gianni e Anne-Marie, raccontano divertiti gli amici, decidono di sottrarsi all' ira funesta dell' ex nuova di Churchill e futura ambasciatrice americana a Parigi. Saltano sull' auto sportiva del giovane miliardario e vanno a tutta velocità incontro al grave incidente stradale (sette fratture alla gamba) di cui Agnelli porterà i segni per il resto della vita. "Era pieno di droga", racconta l' amico fedele toccandosi platealmente il naso, come a dire che Agnelli tirava di cocaina quando ancora a Torino si facevano di bagna cauda.
Agnelli docAGNELLI DOC

A questo punto le sorelle decidono che la donna giusta per Gianni è Marella, sei anni più giovane di lui e da anni, dicono, innamoratissima dello scapestrato dongiovanni, come lo definisce la sorella Maria Sole, la quale giura che, a dispetto della celebre massima dell' Avvocato secondo cui innamorarsi è roba da cameriere, anche lui "era molto innamorato" della donna che sposò nel 1953. Se a casa Agnelli non impazzivano per Pamela, a casa Caracciolo non apprezzano Gianni: "A mia madre non piaceva, non pensava che fosse un buon marito. Disse che era un tipo terribile", ricorda Nicola Caracciolo.
umberto gianni agnelliUMBERTO GIANNI AGNELLI

Montezemolo - AgnelliMONTEZEMOLO - AGNELLI
Nel film di Hooker non si coglie facilmente il confine tra il royal gossip compiaciuto e apologetico e l' inchiesta corrosiva. Se l' obiettivo era il primo, sicuramente il risultato è la seconda. Si ipotizza che Agnelli avesse annoverato tra le sue prede sessuali anche la first lady americana Jackie Kennedy durante una vacanza da cartolina a Capri nell' estate 1962, con l' Avvocato (già sposato e padre di due figli) a fare i fastosi onori di casa e John Kennedy a Washington a occuparsi dei destini del mondo (ed eventualmente anche di quelli della sua amante Marilyn Monroe, morta suicida proprio in quelle settimane).
Gianni Agnelli con De BenedettiGIANNI AGNELLI CON DE BENEDETTI 

Qui l' allegra fiducia di Maria Sole sulle inclinazioni non fraterne del fratello verso casa Kennedy ("Non ne sarei sorpresa") consegna allo spettatore un senso di sospensione tra l' ammirazione e il disprezzo. E comincia a proiettare il racconto verso il finale tragico. Questa gioventù dorata che pensa solo a divertirsi viene dipinta in modo impietoso dagli stessi reduci. Parla l' amica Marina Branca: "Gianni e Marella erano due genitori assenti. Anche io non ero così presente. Il nostro centro era uscire e divertirsi. I figli restavano a casa con signorine e governanti". "Non erano una famiglia normale", dice una voce fuori campo.

gianni agnelliGIANNI AGNELLI
Racconta De Benedetti, socio e amministratore delegato della Fiat nei famosi cento giorni del 1976: "Ero dall' Avvocato, a un certo punto si apre una porta ed entra Margherita, completamente rasata. Agnelli la guarda e dice: 'Ma che hai fatto?'. E lei: 'Almeno ti sei accorto di me'".

È con questo retroterra privato che Agnelli proietta la sua ombra sulla vita pubblica italiana. È la parte più debole della ricostruzione di Hooker, che indulge in una tipica semplificazione. Il '68; l' autunno caldo; le lotte operaie che culminano nel 1980 nello sciopero dei 35 giorni e nella marcia dei 40 mila che segna la sconfitta del sindacato; la lotta armata che ha la Fiat tra i principali obiettivi; l' avvicinamento del Pci all' area del governo.
Jas Gavrosky e Lupo Rattazzi - Copyright PizziJAS GAVROSKY E LUPO RATTAZZI - COPYRIGHT PIZZI

gianni agnelliGIANNI AGNELLI
È tutto raccontato come una storia unica, un movimento compatto diretto dagli interessi di Mosca, con i leader sindacali e il segretario comunista Enrico Berlinguer oggettivamente alleati delle Brigate Rosse. Era la visione del mondo di Agnelli, che si rappresentava come estremo baluardo atlantista di un' Italia minacciata dal comunismo. La ricostruzione di Hooker la fa propria e così manca la comprensione del nodo davvero drammatico: chi ha in mano il gioco non è Agnelli ma Cesare Romiti, il manager imposto ad Agnelli da Enrico Cuccia.
gabetti agnelli-0002GABETTI AGNELLI-0002

Con la crisi iniziata nel 1973 (primo choc petrolifero in seguito alla guerra del Kippur) la Fiat perde la sua autosufficienza finanziaria e si assoggetta al protettorato di Mediobanca. È Romiti, il figlio del barbiere che studiava sodo mentre Agnelli se la godeva in Costa Azzurra, a orchestrare la marcia dei 40 mila e a tenere i rapporti quelli veri con la politica, a Roma, la sua città.

gianni agnelli jackie kennedyGIANNI AGNELLI JACKIE KENNEDY
All' Avvocato resta la parte del cinico fascinoso. Racconta il cuoco Giulietto: "Doveva venire a pranzo nella residenza romana degli Agnelli in via XXIV maggio il presidente della Repubblica. Mi chiama l' Avvocato per parlare del menu e mi dice: 'Gli diamo i coglioni di toro'. Io gli dico: 'Scusi Avvocato, ma dare al presidente della Repubblica due coglioni, così, non mi sembra una cosa esatta, facciamo un' altra cosa'. E lui: 'Caro Giulietto questi personaggi vanno trattati come meritano, pensa com' è bello dare due coglioni a un coglione'".

gianni agnelli kissingerGIANNI AGNELLI KISSINGER
In tanto cinismo tocca a Carlo Callieri - fama di super duro quando era capo del personale della Fiat Auto, e simbolo suo malgrado del declino dell' Avvocato quando nel 2000 fu sconfitto a sorpresa dal napoletano e berlusconiano Antonio D' Amato nella corsa alla presidenza della Confindustria - mettersi a piangere davanti alla telecamera quando ricorda l' assassinio di Carlo Ghiglieno, 51 anni, sconosciuto dirigente della logistica Fiat freddato da un gruppo di fuoco di Prima Linea nel 1979: "Una persona dolcissima e mite, ammazzato per strada come un cane".
Pamela ChurchillPAMELA CHURCHILL

Di quei momenti drammatici viene restituita in trasparenza un' immagine dell' Avvocato, ancora una volta, fredda, distante e vagamente spensierata.
Va in barca a vela in Libia per vendere a Gheddafi il 10 per cento della Fiat (1976), poi telefona all' amico banchiere Michel David Weill, che racconta: "Mi ha detto di dimettermi perché ai nuovi soci non sarebbe piaciuto vedere un cognome ebreo nel cda della Fiat. E poi, ciao". Ride: "Un uomo totalmente privo di sentimenti".
gianni agnelliGIANNI AGNELLI

gianni agnelliGIANNI AGNELLI
E in definitiva anche un perdente molto sfortunato. Da Agnelli emerge che la Fiat non è più stata veramente sua dopo l' ingresso di Romiti, tanta era la dipendenza da Mediobanca. Dopo aver annunciato che sarebbe toccato al fratello Umberto succedergli alla presidenza, si trova costretto da Cuccia a smentirsi per dare strada proprio a Romiti. Un dolore e un' umiliazione. Racconta il giardiniere: "Tornarono a casa e Marella disse: 'Oggi bisogna stargli vicino'".

gianni agnelliGIANNI AGNELLI
L' Avvocato è ossessionato dal tema della successione dinastica. Considera Edoardo inadatto, inutile. Ricorda il giornalista Jas Gawronski: "Era una persona sentimentale, un intellettuale, totalmente diverso dal padre che non lo apprezzava". Gianni designa Giovanni Alberto, detto Giovannino, figlio di Umberto, una vera star, sembra fatto su misura per piacere allo zio, ma viene ucciso dal cancro a soli 33 anni, nel 1997. "A quel punto della dinastia era rimasto solo John Elkann", nota cinico da par suo De Benedetti.

C' è nel film un' intervista profetica di Agnelli, data in Francia a un giovanissimo Alain Minc all' indomani dell' uccisione di Aldo Moro. Dice: "Accanto al cadavere di Moro c' è quello della Prima Repubblica". Agnelli suggerisce che, analogamente, accanto al cadavere di Edoardo c' era quello di suo padre. E accanto al cadavere dell' Avvocato, nel funerale al Lingotto con 500 mila torinesi accorsi a salutare il loro re senza corona, c' era il cadavere della Fiat. Il brillante playboy non c' è stato per costruirla, non c' è stato per ricostruirla e non ha saputo farla sopravvivere a se stesso.
gianni agnelliGIANNI AGNELLI

pamela churchill e l'avvocatoPAMELA CHURCHILL E L'AVVOCATO